azulejos

Storia del Azulejo

Galleria azulejos


« Azulejo » è una parola araba usata in Spagna ed in Portogallo per nominare una piastrella di ceramica, vale a dire, una mattonella di terracotta coperta con smalto opaco. In tutti e due i paesi, a partire del Trecento si registra un uso frequente di azulejos per rivestire e decorare pareti, pavimenti, soffitti e camini.


Etimologia

Questa parola deriva dall'arabo  الزليج  « al zulaycha » che significa piccola pietra levigata, e non « azul » blu, come spesso viene scritto. Il fatto che ci fossero molti azulejos blu ha creato questa confusione, ma storicamente le prime piastrelle che si osservano in Spagna nel Trecento sono verdi, marroni e gialle piuttosto che blu.

Perché « piccola pietra levigata » ? Perché l'idea era inizialmente di riprodurre i mosaici greco-romani, non assemblando piccoli pezzi di marmo levigati (« tessere »), ma pezzi di piastrelle in maiolica smaltata. Risulta evidente che si impieghi meno sforzo per tagliare una piastrella smaltata, che viene prodotta, piuttosto che lucidare pezzi di marmo venuti da luoghi lontani !

Chi conosce il Marocco ha necessariamente visto lo « zellige », mosaici di piccoli pezzi di maiolica colorata. Lo « zellige » copre ancora pavimenti e pareti di diversi edifici marocchini. L'antico mestiere del mosaicista è ancora vivo in Marocco ; la maggior parte degli artigiani si trova Fez. Risulta essere chiaro che lo « zellige » marocchino e gli azulejos ispanici condividono la stessa etimologia. E la stessa parentela con il mosaico.


Origini orientali antiche

Le prime piastrelle smaltate conosciute vengono dall'Egitto e dalla Mesopotamia. Il Faraone Djoser, fondatore della terza dinastia, fece costruire a Saqqara dall'architetto Imhotep in 2620 aC. una piramide le cui gallerie che conducono alla camera sepolcrale sono ricoperte di piastrelle smaltate verde con linee gialle che imitano il papiro. Lo smalto, strato vetroso sottile, è quindi una antica scoperta. Tuttavia, in tempi antichi, questa tecnica di ceramica coperta con uno smalto opaco era esclusivamente Orientale e si è persa negli anni. Infatti, il mondo greco-romano non la conosceva, ed ha sviluppato l'uso di pitture su intonaco fresco (« affreschi »), lo stucco, o i mosaici.


La riscoperta dello smalto

Sono i persiani Sasanidi che verso l'anno 850 hanno riscoperto l'impiego dello stagno come opacizzante per il vetro, e che hanno fabbricato di nuovo piastrelle smaltate, vale a dire con uno smalto opaco I loro vicini Abbasidi - Baghdad era la loro capitale - utilizzarono anche questa tecnica, tecnica che si diffuse in tutto il mondo arabo-musulmano, dalle porte di Costantinopoli alla Spagna. Sotto i Fatimidi, vasai egiziani decorarono intere stanze nei palazzi dal Cairo.


L'arrivo in Europa attraverso la Spagna

Quindi sono gli arabi che hanno portato dall'Oriente questa arte in Europa. Il primo uso di piastrelle smaltate era l'assemblaggio geometrico di pezzi di mattone tagliati (« alicatado »). Possiamo vedere ancora in situ belli esempi nell'Alhambra di Granada.

I motivi ornamentali utilizzati sono complessi e riflettono il gusto islamico per la geometria. Tuttavia l'alicatado è un processo costoso perché richiede molto lavoro di taglio manuale e per questo c'è un alto rischio di danneggiamento. Per ovviare a questi inconvenienti, gli artigiani hanno pensato applicare direttamente sulla terra smalti colorati, separati per evitare la miscelazione. Queste separazioni sono fatte disegnando contorni con una sostanza grassa mescolata con un pigmento nero (ossido di manganese). Una volta cotta, questa miscela diventa una sottile linea nera. Questo processo di cloisonné è chiamato « cuerda seca » in Spagna. Tra le piastrelle prodotte con questo metodo, ci sono soprattutto motivi moreschi, che si avvicinano alle composizioni dei mosaici alicatado. Tavolta questi motovi suggeriscono effetti riconducibili al cubismo, o sono disposti in belle forme radiali. La decorazione più tipica di questo periodo è costituita da una combinazione di festoni geometrici, tipicamente moreschi, ed alcuni esempi rari di ornamenti vegetali.

Intorno al 1500, il processo di cuerda seca è stato sostituito da quello del arista in cui il cloisonné è fatto da un rilievo in argilla. Un stampo di legno, con il modello negativo, viene pressato nell'argilla molle. Quindi non c'è più linea nera tra gli elementi di diverso colore. L'arista é une lavorazione simile all'alicatado ma a più basso costo. Al contrario l'alicatado è un processo costoso perché richiede molto lavoro di taglio e genera cadute significative. I principali centri di produzione spagnoli erano Malaga, Siviglia, Valencia (Manises e Paterna) e Talavera de la Reina.


L'influenza della maiolica italiana

Con il Rinascimento, alla fine del Quattrocento, si verificano cambiamenti fondamentali nell'evoluzione degli azulejos. In Italia si sviluppò la tecnica della maiolica ; piatti o vasi sono realizzati in terracotta invetriata con elaborate decorazioni colorate : pergamene, caratteri, grotteschi, ecc. La città di Faenza, importante centro di produzione, diede vita alla parola "faïence" in francese, parola che verrà poi utilizzata anche in inglese. Piastrelle cominciano ad essere decorate con questi procedimenti.

Nel 1498, si stabilì a Siviglia un pittore italiano di maioliche, Francisco Niculoso, detto Niculoso Pisano perché era da Pisa. Niculoso introdusse l'arte della maiolica in Spagna, e l'applicò brillantemente alle piastrelle smaltate. Fino ad allora, le piastrelle erano intersecate, i colori erano luminosi ed applicati con un'intensità uniforme. La manera italiana "pisana" è pittorica : si dipinge sulle piastrelle come per un quadro. Pertanto, si usa una ricca policromia : blu, giallo chiaro, giallo scuro, verde, marrone, bianco, nero, viola... Ciò che è particolarmente rivoluzionario, è la ricerca del chiaroscuro e del gradiente colore. Così il processo di produzione artigianale, basato su una ripetizione quasi industriale, diventa una creazione artistica, che richiede una certa sensibilità da artista. Lo stile degli azulejos sarà completamente trasformato ; così appaiono grandi pannelli decorati con scene figurative e narrative realizzate con diversi riferimenti alla cultura classica. L'influenza di Pisano fu enorme, e da Siviglia, il suo procedimento fu ripreso a Toledo, Valencia, Talavera de la Reina, ma anche in Portogallo. Ed è in Portogallo che questa arte sarà più prosperosa al punto di diventare una delle caratteristiche del paese.

Intorno al 1500, altri maestri italiani, come Guido di Savino, si trasferiranno ad Anversa nelle Fiandre, allora una provincia spagnola. Anversa diventerà un importante centro di diffusione dell'arte della maiolica per il resto d'Europa, in particolare la Francia (il primo maestro francese Masséot Abaquesne in Rouen) e nei Paesi Bassi (Amsterdam, Rotterdam, Haarlem, Makkum, e ovviamente, Delft).


Stili nel corso dei secoli

Il Seicento è caratterizzato da una grande varietà di soggetti : scene religiose, caccia, guerra, scene mitologiche o satirice. Le fonti d'ispirazione sono molteplici, ma sono per lo più reinterpretate. I pittori di azulejos sono ispirati dalle stampe ornamentali, in particolare delle "grottesche", motivi secolari dell'antica Roma reinterpretati dal pittore Raffaello nel Cinquecento per decorare il Palazzo Vaticano. Questi grotteschi hanno un carattere fantastico che sarà ampiamente adottato e mescolato ai temi religiosi più tradizionali. Questo è anche il tempo dei viaggi di colonizzazione e per esempio dell'ispirazione proveniente dai tessuti indiani.

Alla fine del Seicento, gli olandesi dipingono i loro pannelli in bianco e blu, con riferimento alle porcellane cinesi che stanno cercando di copiare. I portoghesi acquisiscono questi pannelli olandesi per i loro palazzi e chiese (ai maestri Willem van der Kloet e Jan van Oort in particolare). Questo tipo di azulejos conoscono una gran voga in Portogallo. Nel Settecento, questi pannelli saranno imitati dai portoghesi al punto di coprire tutto il paese di bianco e blu. Quest'arte è ora al suo apice. A questo punto, alcuni pittori di azulejos firmano i loro pannelli. Nel Settecento, le cornici stanno diventando sempre più ornative con lo stile barocco, e suoi coinvolgimenti con festoni, angeli ed elementi architettonici. Poi viene lo stile rococò, con ornamenti barocchi particolarmente affollati. Le scene centrale sono ispirate da incisioni di Jean-Antoine Watteau : scene galanti o bucoliche, scene pastorali o con coppie aristocratiche.

Dopo gli eccessi delle frivolezze, l'Ottocento richiama il ritorno alla virtù e la semplicità dello stile antico è neoclassico : è l'ora delle stampe ispirate di Robert e James Adam. Le cornici dei pannelli si alleggeriscono e si semplificano.


L'Art nouveau in Francia

Alla fine del Ottocento, lo stile Art Nouveau nasce in Francia. Questo stile promuove il rinascimento della ceramica architettonica, grazie anche all'utilizzo del gres resistente al gelo. Le rappresentazione sono floreali, con movimenti ondulati e femminili. Si sente l'influenza dei manifesti di Alphonse Mucha e Eugène Grasset. L'Esposizione Universale di Parigi del 1900 sarà una buona occasione di rilancio per queste ceramiche architettoniche. Si vede anche il ritorno del processo cloisonné che era stato abbandonato per diversi secoli. Molte facciate di case, negozi e ristoranti saranno adornate con pannelli decorativi o più semplicemente per fregi, spesso floreali, a volte in rilievo.


Oggi, non c'è più coerenza di stile nelle creazioni che sono per lo più appannagio della creatività dell'artista. Le stazioni della metropolitana di Lisbona o la Casa da Mùsica di Porto di Rem Koolhaas dimostrano che in Portogallo l'uso della ceramica in architettura è ancora particolarmente vivace.


Galleria Azulejos

  • carreaux_islamiques
  • carreaux_hispano_mauresques
  • islamic_tiles
  • azulejo_carreaux_espagne
  • azulejos
  • Piastrelle tagliate ispano-moresche dette alicatados

  • Palazzo moro in Spagna : Alhambra di Granada

  • Piastrelle de cuerda seca ispano-moresche

  • Piastrelle de arista ispano-moresche

  • Piastrelle ispano-moresche a Siviglia, Spagna

  • carreaux_portugal
  • portugal_tiles
  • portugal_azulejos
  • azulejos_Sintra
  • floor_tiles
  • Palazzo Nazionale di Sintra del Cinquecento (Portogallo) : la stanza dei leoni

  • Palazzo Nazionale di Sintra : fonte e banco

  • Palazzo Nazionale di Sintra : patio

  • Palazzo Nazionale di Sintra
    XVIe s.

  • Pavimenti de terracotta con piastrelle smaltate inserite di Manises o di Paterna (Provincia di Valencia)

  • carreaux_italie
  • azulejos_Niculoso
  • azulejos_tiles_Niculoso
  • Sevilla_azulejos
  • traditional_tiles
  • Mattone blu del Cinquecento, Museo Nazionale de Palermo (Italia)

  • Pannello dipinto per Francisco Niculoso cerca 1500 per il Alcazar Reale di Siviglia (Spagna)

  • Pannello dipinto per Francisco Niculoso cerca 1500 e esposto nel Rijksmuseum di Amsterdam (Paesi-Bassi)

  • Azulejos nel Alcazar reale di Siviglia

  • Azulejos nel Alcazar reale di Siviglia

  • ceramic_tiles
  • traditional_azulejos
  • tiles_panel
  • floor_tiles
  • azulejo_tiles
  • Azulejos del Alcazar di Siviglia (Spagna)

  • Piastrelle rinascimentale con motivi raffaelleschi

  • Pannello ceramico inserito in azulejos geometrici : Susanna ei vecchioni dipinto en 1565 per la Quinta da Bacalhoa (Portogallo)

  • Pavimento del castello di Ribaute-les-Tavernes (Gard, Francia), fine del Seicento

  • Pannello di azulejos nella Basilica della Vergine del Prado, Talavera de la Reina (Spagna), Cinquecento

  • azulejos_brazil
  • panneau_azulejos
  • azulejo_traditionnel
  • azulejos_espagnol
  • azulejos_lisbonne
  • Azulejos nella chiesa de Paraiba (Brasil)

  • Pannello del Seicento esposto nel Museo degli Azulejos, Lisbona

  • "Tappeto" di azulejos con motivi di foglie di acanto, Seicento (Musée des Arts Décoratifs, Parigi)

  • Pannellatura di azulejos con motivi di foglie di acanto, Seicento (Palazzo del Escorial, Madrid)

  • Fonte decorate con pannelli di azulejos, Palazzo dei marchesi di Fronteira, Lisbona

  • azulejos_lisbon
  • azulejos_Fronteira
  • panneau_ceramique
  • carrelage_mural
  • azulejos
  • I giardini dil Palazzo dei marchesi di Fronteira, a Lisbona, sono famosi per il loro azulejos

  • Azulejos dil Palazzo dei marchesi di Fronteira

  • Pannelli di azulejos sulla facciata, Palazzo dei marchesi di Fronteira

  • Giardini dil Palazzo dei marchesi di Fronteira

  • Pareti e tetto decorati con azulejos, chiesa di San Lorenzo, 1730, Faro, (Portogallo)

  • azulejos_bleus
  • blue_azulejos
  • decorative_azulejos
  • azulejos
  • azulejos_portugais
  • Piastrelle della cupola della capella del Santo Spirito, Alenquer, fine del Seicento, (Portogallo)

  • Alcobaça, Lisbona (Portogallo)

  • Piastrelle della porta del Palazzo Braço de Prata, Lisbona

  • Personaggi trompe-l'œil detti "figura de convite", Quinta da Videira, Settecento (Portogallo)

  • Pannellatura di azulejos, Casa Luis Gomes Pires, 1770 (Portogallo)

  • portuguese_azulejos
  • carreaux_cuisine
  • azulejos_eglise
  • azulejos_escalier
  • azulejos
  • Azulejos con personaggi trompe-l'œil (1780), Casal de Santa Maria, Colares (Portogallo)

  • Azulejos della cucina del Palazzo Pimenta, Lisbona

  • Angelo della sacristia dil Palazzo de Santos, Ambasciata de Francia, Lisbona

  • Scala ornata con azulejos, Palazzo de Mitra , Lisbona

  • Pannello di azulejos eseguito da un incisione di Watteau, Palazzo Valada-Azambuja, Lisbona, seconda metà del Settecento.

  • azulejos
  • azulejos
  • azulejos_bresil
  • brazil_tiles_panel
  • azulejos
  • Decorazione di trompe-l'œil, Convento San-Paulo (Portogallo)

  • Volta coperta di piastrelle, Faro (Portogallo)

  • Chiostro de San-Francesco, Settecento, Salvador de Bahia (Brasile)

  • Convento San Franceisco, Salvador de Bahia (Brasile)

  • Porta con decorazione di azulejos, Parco Eduardo VII, Lisbona

  • azulejos
  • azulejos
  • carreaux_cuisine
  • tiles_panel
  • azulejos
  • Crocifisso di azulejo (Portogallo)

  • Orologio di piastrelle (Portogallo)

  • Azulejos della cucina del Convento de Santo-Dinis, Odivelas (Portogallo)

  • Pannelli di azulejos dipinti en Olanda per Jan van Oort installati nel 1698 nel Convento Madre de Deus, Lisbona

  • Chiesa della Misericordia, Sardoal (Portogallo)

  • azulejos_Fora
  • azulejos
  • portugal_blue_tiles
  • azulejos_blue
  • azulejos_bleu
  • Pannelli di azulejos, monasterio de San-Vicente de Fora, Lisbona

  • Scala con azulejos, monasterio de San-Vicente de Fora, Lisbona

  • Azulejos detti di "figura avulsa", Obidos (Portogallo)

  • Scala con azulejos, monasterio de San-Vicente de Fora, Lisbona

  • Giardino della Quinta do azulejos, Lisbona

  • sevilla_azulejos
  • sevilla_azulejos
  • spain_ceramic_tiles
  • pombal_azulejos
  • azulejos
  • Decorazione di ceramica, cucina valenciena del Settecento, Museo Nacional de Artes decorativos, Madrid

  • Pannello di azulejos di Valencia, Museo Nacional de Artes decorativos, Madrid

  • Piastrelle d'arte populare spagnolo

  • Azulejos detti "pombalinos" en Portogallo (dell'epoca del Marchese de Pombal : 1699-1782)

  • Azulejos "pombalinos", finale del Settecento (Portogallo)

  • portugal_azulejos
  • azulejos_eglise
  • ceramic_tiles_panel
  • azulejos_salvador_bahia
  • azulejos_mexique
  • Facciata con ceramica, Quinta da Sao Mateus, Oeiras, 1860 (Portogallo)

  • Via Crucis dipinte su piastrelle, 1752 (Portogallo)

  • Pannello di azulejo neo-classico, fine del Settecento, (Portogallo)

  • Azulejo neo-classico, Solar do Conde dos Arcos, Salvador de Bahia, 1800 (Brasile)

  • Templo di San Francesco Acapetec, Cholula (Messico)

  • carreaux_mexicains
  • carrelage_mexique
  • carrelage_portugal
  • carrelage_lisbonne
  • azulejos_gare_portugal
  • Facciata con piastrelle della Chiesa Nuestra Señora de Guadalupe, Puebla, Novecento, (Messico)

  • Santa Maria Tonanzintla, Puebla, Settecento, Messico)

  • Facciata neo-classica della fabbrica de ceramica Viuva Lamego, Lisbona

  • Fabbrica de ceramica Viuva Lamego, Ottocento, Lisbona

  • Azulejos della stazione di Aveiro (Portogallo)

  • azulejos
  • azulejos_spain
  • azulejos
  • azulejos
  • azulejos
  • Azulejos della stazione di Vilar Formoso (Portogallo)

  • Azulejos della Piazza di Spagna, 1929, Siviglia

  • Placca di strada del Novecento, Museo della Città, Lisbona

  • Placca di azulejo tipica dil Portogallo

  • Placca di strada (Portogallo)

  • azulejos
  • azulejos
  • azulejos
  • azulejos
  • azulejos
  • Placca di strada (Portogallo)

  • Placca di strada (Portogallo)

  • Azulejos di scala, Plaza de toros, Ronda (Spagna)

  • Fonte decorata con azulejos, Agres (Spagna)

  • Fonte decorata con azulejos (Spagna)

  • azulejos
  • azulejo_metro_lisbonne
  • modern_azulejos
  • azulejo_metro_lisbonne
  • modern_azulejos
  • Azulejos nel Convento di San-Antonio, Cairu (Brasile)

  • Azulejos della stazione Campo Grande, metro di Lisbona

  • Azulejos moderni, Lisbona

  • Azulejos della Casa da Mùsica, Porto (architetto Rem Koolhaas)

  • Azulejos della stazione Oriente, metro di Lisbona